bentornato Stan, anche Cilic si risveglia. Grande prova di Brooksby

In questo mercoledì di tennis di altissimo livello agli Internazionali d’Italia, abbiamo avuto piacevoli sorprese e graditi ritorni. Due ex number 3 del mondo infatti sono tornati a brillare, uno proprio per essere tornato a vincere, l’altro per la qualità e la purezza del gioco mostrato, e sono entrambi ex campioni Slam. Stan Wawrinkadopo una battaglia di quasi 3 ore, ha battuto 7-6(8) 3-6 6-4 Laslo Djerementre Marino Cilictra i boati dell’Olimpico e la frescura della sera, ha avuto la meglio di Cameron Norrie per 5-7 6-2 6-1. Dal momento che segnala anche la schiacciante vittoria di Brooksby, ultima (non per importanza) delle partite che ora andremo a trattare, preparata al grande giovedì che si prospetta al Foro Italico.

L’orgoglio di Stan primo set che nei 7 game iniziali va via tranquillo, occasioni di break solo per Wawrinka nel secondo gioco, dove però Djere non trema e ne esce con pazienza. Lo svizzero deve cercare soluzioni anche alternative per uscire dallo scambio lungo, dove attualmente il serbo ha una marcia in più, lavorando parlando. Finora in evidenza due cose: il servizio di Stan è la chiave del suo match, e finora sta andando a pieno regime, e la preparazione tattica al millimetro di Djere, che sta muovendo il più possibile l’avversario contando appunto sulla stanchezza. Gli manca sempre l’esecuzione finale per ora. Anche a due punti dal set lo svizzero sul servizio di Djere nel decimo game, che è bravo però a salire sulla palla e trovare gli urti per ricacciarlo indietro; Wawrinka, dal canto suo, continua a essere impeccabile al servizio ea provare a tenere da fondo. Alla fine dopo un tie-break intenso, in cui è Djere ad andare in vantaggio per primo e ad avere più occasioni, la maggiore esperienza di Stan the Man viene fuori, e porta a casa il primo parziale vincendo il tie-break 10 punti a 8. Solo errori del serbo sui set point, tra doppi falli e non forzati, lo svizzero scarta i regali e sfrutta il suo servizio quando può. E raccomando il punto del set, si vede la manina da uno che qualcosina l’ha vinta in carriera.

Rischia subito grosso ancora una volta il serbo nel secondo set, a risalire da 0-40, ma ricorre al suo ottimo rovescio, colpo preciso e sempre incisivo, anche se avrebbe potuto osare un po’ di più Wawrinka. Nuova occasione sprecata dallo svizzero nel quinto game, dove manda altre due palle break al vento, ma molto bravo il serbo seconda: imposta lo scambio lungo, mandando Stan in debito d’ossigeno, il copione che deve tenere per portare a casa il match . Nonostante tutte le occasioni avute dall’ex n.3 al mondo, il primo break del match arriva nell’ottavo game del secondo partziale in favor di Laslo Djere: il serbo senza fare quasi nulla sfrutta i regali di Wawrinka, e gioca un buon passante di rovescio dopo un attacco in apnea dello svizzero per trovare lo scarto, che si rivelerà poi decisivo per andare a chiudere 6-3 il set.

Nel set decisivo il break non tarda ad arrivare, e ancora in favore di Djere, nel terzo gioco: Wawrinka appare sempre più provato, e infatti deve difendere più palla break; una risposta un po’ più corta loglie di sorpresa e in ritardo, ed ecco il probabile strappo decisivo. Rientra da campione, con orgoglio e le ultime energie Stan the Man nel sesto game: qualche errore di troppo di Djere, unito a un buon ritmo da fondo lo portano a palla break, finalizzata con un altro regalo del serbo, che sembra ora aver accusato un calo di tensione. Alla fine, dopo un game infinito di 10 minuti e 3 match point, dopo un susseguirsi di emozioni e boati del pubblico, a portare a casa il match è Stan Wawrinka, rimontando un break nel terzo, gettando il cuore oltre l’ostacolo. Pagano i troppi errori Laslo Djere, che nel terzo set hanno condizionato fortemente l’andamento. Lo svizzero ritrova gli ottavi a Roma dopo 5 anni(perse da John Isner nel 2017), oltre ad essere il giocatore con il ranking più basso ad arrivare a questo punto degli Internazionali dopo Corrado Borroni(411) nel 1995, e affronterà in un match da non perdere Novak Djokovic, n.1 al mondo. 19-6 per il serbo i precedenti, uno proprio qui a Roma nel 2008 vinto da Nole in finale. Ma i due più importanti, le finali del Roland Garros 2015 e US Open 2016, portano affianco la bandiera svizzera.

La pesantezza di Cilic rischia Norrie nel secondo gioco, ma riesce a salvare due palle break dall’assalto di Cilic, che inizia picchiando bene da fondo. Ma è solo un rimandare l’invitabile: nel sesto gioco traccia il campo il croato, trovando ottime verticalizzazioni, e un gran rovescio vincente incrociato gli regala il break; la differenza in peso nei colpi da fondo si fa sentire eccome. Si issa sul 5-2 Cilic salvando palla break, e mettendo addirittura dentro tre dritti vincenti di fila, colpo che sta creando una netta delta, come sempre quando il croato trova i giusti appoggi e sta ben fermo con i piedi dentro al campo. Per quanto stesse giocando bene l’ex n.3 al mondo, il britannico non demorde e alla prima occasione riapre il parziale: break a 0 Cilic serve per il set, con la delta fatta mentre dei meravigliosi rovesci incrociati e in cross da Norrie . Continua il blackout per Marin, che non sfrutta un set point in risposta e addirittura subisce un altro break che porta in vantaggio l’inglese nell’undicesimo game: calo del croato che si abbina ad una crescita di Norrie specie sul rovescio, che sale in cattedrale vincendo 4 gioco di fila. Chiude in serenità 7-5 il primo set il n.11 al mondo, bravo a non mollare e rimanere sempre concentrato; sfrutta la minor costanza ora di Cilic per preparare meglio i colpi e imprimere più rotazione. Ottimo inizio di secondo set per Cilic, che non neanche un punto al servizio e si procura due palle break, entrambi però annullate da un ottimo Norrie, che è salito soprattutto perde mentalmente. Ma croato fa poi notare il suo essere tornato al livello fino a 5-2, praticamente tutto il tempo salvo blackout: game nel sesto gioco come nel primo parziale, anche con una buona mano dell’inglese, che inizia un po ‘a calare da fondo e anche al servizio, favorendo il rientro di Cilic. Chiude 6-2 un set dove ha toccato picchi di altissimo livello di gioco Marin, chiudendo con dei rovesci incrociati spettacolari e pesanti, arginando del tutto Norrie, spettro di sè stesso.

Terzo set ancora nel segno di Cilic, che allunga a 7 la striscia di giochi di fila vinti, con 12 punti a 1 in questo parziale decisivo, giocate fanno che rinverdire i fasti del campione che è stato qualche anno fa. Punti da capogiro che vanno di par passo con un’espressione felice, divertita, consapevole che in queste condizioni è ingiocabile. Continua senza rimuovere la striscia il croato, fino a 9 game , issandosi sul 5-0 nel set decisivo, mostrando un gioco davvero celestiale, che da tanto non mostrava sia al servizio, sia dalla pesantezza da fondo. Dal momento che dire che Norrie ha accusato qualche problemino fisico, ma comunque non ha mai avuto occasione neanche di vedere la palla del croato in questo filotto di giochi persi. Chiude al quarto match point 6-1 Marin Cilic, che dal 2-2 del secondo set ha perso solo un game e non ha mai dato neanche la minima speranza di rientro al suo avversario, scomparso dal campo nonostante fosse avanti di un set. Ritrova dopo un’edizione gli ottavi a Roma dunque, puntando alla semifinale che è stato il suo miglior nel 2018, risultato e sulla strada domani ci sarà Cristiano Garinil Cileno che ha approfittato del ritiro di Alcaraz. Un Cilic in queste condizioni parte nettamente preferita.

Infine non possiamo non citare una partita che non sarà stata la sorpresa di giornata (quella tutta appartiene alla gran prestazione di Marco Giron) , ma Jenson Brooksby su David Goffin, in questo afoso mercoledì, un po’ meraviglia. Il motivo principale e il punteggio del primo set: l’americano ha vinto 6-0 7-6(1), portando a scuola nel primo parziale un giocatore ben più esperto di lui, e sì più avvezzo a questa superficie, disegnando il campo e quasi spiegando tennis, portando a casa più del 60% dei giocatori. La musica cambia nel secondo set, dove Goffin trova maggiore solidità da fondo e riesce a giocare il suo gioco di pressing e generosità, andando anche avanti di un break; e in effetti fino al 5-4 la musica sorride al belga, che serve per andare al terzo, con anche due set point consecutivi. Ma è bravo a rientrare Brooskby, e con le tante particolarità insite e insidiose nel suo gioco recupera il break per poi vincere il tie-break 7 punti a 1. Gran prestazione del n.38 al mondo, che per la prima volta entra nei migliori 16 di questo torneo, e affronterà uno dei più temibili giocatori(seppur non nel suo miglior momento) sulla terra rossa, la tds n.5 Casper Ruud.

Il tavolo dell’ATP Roma

Leave a Reply

Your email address will not be published.