Conoscete Maria Francisca Perello: chi è la moglie di Rafael Nadal, età, carriera, vita privata e figli

Maria Francesca Perello esso la moglie di Rafael Nadal il più grande campioni di tennis di tutti i tempi. I due stanno insieme da circa 17 anni e sono molto innamorati l’uno dell’altro. Ma cosa conosciamo in realtà di lei e della loro vita privata? Chi è davvero la moglie di Rafael Nadal?

Maria Francisca Perello, chi è la moglie di Rafael Nadal

E’ nata a Manacor, a Maiorca nel 1988 ed è la figlia di un costruttore edile e di una dipendente comunale. E’ figlia unica ed ha una laurea in Economia Aziendale. Lavora come assicuratrice nella sua città natale e di occupa insieme alFondazione la suocera della Rafael Nadal, un duck beneficio a favore dei giovani con disabilità intellettuale. E? una ragazza molto riservata e per questo non abbiamo tante informazioni su di lei.

La loro storia d’amore

Il 19 ottobre 2019 al Campione di Tennis spagnolo Rafael Nadal si è unito in matrimonio con la sua storica compagna ovvero Maria Francisca Perello. io due insieme dal momento che erano tanti anni fa ed esattamente bambini ma stanno insieme 2005 ovvero da 17 anni. Lei è soprannominata xica, dai vari giornali di gossip Ma il marito la chiama semplicemente Mary Così come lui stesso ha spiegato nel corso di alcune interviste. “Ci siamo conosciuti quando eravamo dei bambini. Il suo nome è Maria Francisca, ma la chiamo sempre Mery. La chiamo Maria Francesca solo quando litighiamo. Ma non litighiamo praticamente mai dato che lei è una persona molto calma”. Entrambi sono molto riservati e per questo motivo non hanno mai parlato delle loro funzioni personali ai giornali.

Figli in arrivo per la coppia?

Solo recentemente il campione si è un po’ sbottonato parlando anche del futuro della sua famiglia dicendo che presto potrebbe esserci anche un figlio.”Penso proprio che vorrei dei bambini, li amo. C’è però un problema.Penso che avremo dei figli solo dopo ritirami. Pensavo che a 30 anni fosse il momento giusto, ma le carriere si sono allungate di molto negli ultimi anni”.

Chi è Rafael Nadal

Di lui sappiamo che è invece uno dei migliori tennisti di sempre e che è nato il 3 giugno 1986 sull’isola di Maiorca. È uno dei migliori tennisti su terra battuta di tutti i tempi ed ha ottenuto ben 67 titoli e vinto 11 volte il Roland Garros ovvero il torneo di tennis più difficile in assoluto.

Solo lo sport consent a un ragazzo eccezionalmente dotato per la sua pratica, appena passata l’adolescenza, di raggiungere la gloria internazionale nella sua specialità e accumulare una fortuna milionaria. È il caso del tennista spagnolo Rafael Nadal, professionistista dall’età di 15 anni, che a 19 anni occupava già la seconda posizione mondiale nella classifica della Professional Tennis Association (ATP) e che, a 22 anni, è diventato il numero 1 al mondo .

Rafael Nadal Parera è nato il 3 giugno 1986 nella città maiorchina di Manacor, dove i Nadal formano una grande famiglia radicata nell’isola dal XIV secolo. Il patriarca della saga prende il nome da suo nipote, Rafael, ed è un grande fan della musica che dirige l’orchestra della città. E figlio di Sebastián Nadal, direttore di un’azienda che costruisce campi da paddle tennis e organizza eventi sportivi, e Ana María Parera, e ha una sorella, Isabel, la sua ammiratrice più entusiasta. Fu suo zio Antonio, Toni, un condurlo lungo la strada del tennis, fino a diventare il suo allenatore e rappresentante.

Un giovane talento

Nonostante il fatto che il bambino fosse più bravo alla racchetta (all’età di quattro anni Toni si esercitava con lui diverse ore al giorno) che al calcio (non invano fu proclamato campione per bambini di Spagna all’età di undici anni e del mondo a quattordici), il piccolo Rafa era sempre più entusiasta del calcio, indubbiamente attratto dalla scia dell’altro zio, il calciatore internazionale Miquel Àngel Nadal. Toni stronc sul nascere questa indecisione e lo esorta ad abbandonare gli studi al 4° anno dell’ESO per dedicarsi esclusivamente al tennis, con dispiace suore materno: “Rafa è diventato un professionista troppo presto. All’inizio l’ho presa molto male, ma alla fine ho capito che era impossibile combinare gli studi con la sua carriera”.

Rafael Nadal è entrato nell’ATP alla fine del 2001, all’818 posto. Aveva solo quindici anni e apparteneva già al Real Club de Tenis Barcelona. Tuttavia, non giocò il suo primo incontro da professionista fino al 29 aprile 2002, al Mallorca Open, sconfiggendo il Paraguaiano Ramón Delgado.

Avrebbe dovuto fare il suo debutto al Roland Garros nel 2003, ma un informatore al gomito ha ostacolato il suo desiderio. L’anno seguente, una fessura nello scafoide del piede sinistro, che lo teneva sulle stampelle da aprile a luglio, gli impedì anche di giocare nel torneo. Poi è stato progettato un piano specifico per la prevenzione degli informuni “in modo che tutte le qualità fisiche del tennista, che sono genetiche, siano emerse”, ha deto Ángel Ruiz-Coto. Questo medico della Federazione ha iniziato la collaborazione con la famiglia Nadal e con il preparatore fisico della giocatrice, Joan Forcades, con una media di tre controlli annuali. Il medico ha sottolineato, dopo il primo esame: “Ha la resistenza di un maratoneta, ma, allo stesso tempo, è esplosivo”.

L’ultima metà del 2004 è stata particolarmente dura: nel processo di recupero del ritmo della competizione, è riuscito a vincere solo il torneo di Sopot (Polonia). Ma ha finito la stagione diventando il più giovane tennista a vincere la Coppa Davis. Nadal ha lavorato l’americano Andy Roddick, e il suo amico e mentore Carlos Moyá ha finito il lavoro, con il quale la Spagna potrebbe vincere la seconda Coppa Davis della sua storia.

Campione del Roland Garros

Nonostante sia un debuttante, nel 2005 è apparso a Parigi come favorito nelle scommesse. Non invano fino a quella data, da gennaio a giugno, aveva vinto cinque rinomati titoli sulla terra battuta: Costa de Sauipe (Brasile), Acapulco, la Monte Carlo Master Series, il trofeo Conde de Godó e la Rome Masters Series, un’impresa che, nella stessa stagione ea quell’età, era stata raggiunta solo da Andre Agassi nel 1988. Per numero di titoli della stagione 2005 era solo uno davanti al numero uno del mondo, lo svizzero Roger Federer, che però sconfisse al Roland Garros in semifinale , precisamente il 3° giorno, giorno del completamento di Nadal.

In finale, non senza qualche difficoltà, Nadal ha vinto in quattro set l’argentino Mariano Puerta, che aveva realizzato un impeccabile. Ha presentato il trofeo, alla presenta del re Juan Carlos I di Spagna, il suo idolo calcistico, Zinedine Zidane, perché, nonostante tutta la sua famiglia sia del Barça, Rafa è un vero tifoso del Madrid.

Leave a Reply

Your email address will not be published.