domina la Ferrari con Leclerc e Sainz, poi Verstappen

Prima sessione di prove libere del GP dell’Emilia Romagna con le rosse scatenate davanti alla Red Bull del campione del mondo. Haas in grande spolvero con Magnussen e Schumacher al 4° e 5° posto. Mercedes con diverse novità ma in difficoltà

Dal nostro inviato Giusto Ferronato

– IMOLA

Session di prove libere bagnata a Imola, ma anche in condizioni difficili è sempre la Ferrari a fare la voce grossa. La prima sessione di lavoro in pista si è disputata con tanta acqua sull’asfalto e il miglior tempo l’ha conquistato Charles Leclerc in 1’29”402. E dietro al monegasco si è piazzata la seconda rossa, quella di Carlos Sainz in 1’30”279. Staccato Max Verstappen con la Red Bull, finito terzo a 1”4. Ottima sessione per la Haas, ha messo Kevin Magnussen e Mick Schumacher al 4° e 5° posto davanti alla seconda Red Bull di Sergio Perez. Poi ci sono Alonso, Vettel e Tsunoda. Mercedes in chiara difficoltà, con George Russell 10° e Lewis Hamilton 18°. Undicesima l’Alfa Romeo di Valtteri Bottas, autore di un testacoda nel finale.

ferraristi in scioltezza

Leclerc e Sainz (che monta un nuovo motore per precauzione dopo l’uscita in Australia) non avevano iniziato alla perfezione, col monegasco in testacoda alla 14 e Carlos lungo nella stessa curva, dove hanno suonato la staccata in tanti. In realtà è sembrata soprattutto una ricerca del limite, con Leclerc che dopo mezz’ora è andato in testacoda anche alle Acque Minerali (curva 11) e poi ancora in curva 4. I tempi si sono poi abbassati al ridursi della quantità d’acqua sulla pista, non essendoci una pioggia battente, abbastanza fine ma costante. Nel complesso, però, l’impatto della F1-75 sul bagnato di Imola è stato più che buono, i piloti si sono detti soddisfatti del rendimento della monoposto appena scesi in pista, la Ferrari ha confermato che la sua capacità di generare carico è una qualità valida e funzionante anche in condizioni di pista umida. E alla fine della sessione il risultato si è visto, specie quando si è passati alle gomme intermedie. Verstappen so staccato non è qualcosa che si veda abitualmente.

mercedes, stessa musica

In difficoltà la Mercedes, che questa fine settimana è delle big quella che ha portato le novità più rilevanti. Si tratta essentialmente di modifiche al diffusore, all prese laterali e al deflettore posteriore, tutto per cercare di migliorare l’effetto suolo e di affettare il problema di saltellamento che sulla F1 W13 si è manifestato in modo più problematico. Lewis Hamilton, però, conferma, non si è detto particolarmente ottimista, ei primi tempi stannondo le previsioni, la mancanza di carico sul bagnato si paga come sull’asciutto. “Alla fine è dovunque sempre la stessa macchina – ha detto il sette volte iridato – così che tutti in fabbrica hanno lavorato duramente durante la Pasqua per cercare di apportare il minimo miglioramento alla vettura. Non abbiamo nulla di rivoluzionario che cambierà il risultato finale, ma spero che riusciremo comunque un progresso”. Hamilton prova a rimanere tanti ottimista: “L’anno scorso si è visto quanto può cambiare durante la stagione, ci sono gare da disputare per provare a ribaltare la situazione. Il team sta lavorando duramente e abbiamo il tempo per riuscire a risolvere i problemi ed estrarre il potenziale dalla macchina”. All 17 la qualifica che determinerà l’ordine di partenza della gara sprint di sabato.



Leave a Reply

Your email address will not be published.