Eurocup, playoff: Virtus Bologna avanti, Venezia eliminata

La squadra di Scariolo Vince in casa col Lietkabelis e ora trova l’Ulm. Reyer ko in Francia e viene eliminata

La Virtus Bologna esulta, Venezia saluta. Sono i due verdetti per le Italiane impegnate nei playoff di Eurocup che salutano clamorosamente anche il Partizan. Ecco come sono andati gli ottavi.

VIRTUS-LIETKABELIS 75-67

La Virtus gioca da favorita il primo turno casalingo dei playoff contro i lituani del Liektabelis che inizia forte, segnando due triple di fila per un veloce 2-8 esterno, poi vengono macinati dal duo Hackett-Shengelia che col solito Weems rovescia sulla squadra baltica un Veloce 14-0 prendendo subito il controllo della partita. Bologna avanti con contropiede a volate ruotando 11 giocatori nel primo quarto per tenere alto il ritmo. Un po’ di frenesia alimenta qualche errore di troppo, la Virtus s’incarta con alcune soluzioni troppo leggere ma è avanti 18-14 subendo una tripla da 20 metri di Lipkevicius. Nel secondo quarto Bologna prova ad allungare con un ottimo Sampson che produce 9 punti aggredendo il ferro con schiacciate e appoggi dalla media distanza chilometrica. Belinelli invece fatica a carburare sbagliando tiri facili per lui. La Virtus trova un +10 ma non scappa via, anzi il Lietkabelis torna ancora a contatto e Gagic arriva a -1 (30-29, break 0-9). Jaiteh fa la voce grossa sotto canestro, Weems ruba e schiaccia, sussulti dentro a tante pause, all’intervallo è 39-34 per i padroni di casa grazie a una magia da tre di Teodosic. In avvio di ripresa la Virtus sembra mettere le mani sulla partita con un break di 9-0 che la spinge a +14 (51-37) ma non basta perché i lituani tornano sotto come nel primo tempo: 52-50 al 28′. Malduna e il greco Kalaitzaiki mettono pressione alla difesa bolognese. Da 30′ a 56-52. Decide l’ultimo quarto, la Virtus sta sempre sopra, il gigante Jaiteh, mvp di serata col suo 9/10 da due punti, la protegge poi arrivano la tripla di Weems e la schiacciata liberatoria dello stesso Jaiteh a scacciare gli incubi col +9 che il Liektabelis non può più recuperare. Bologna avanza col fiatone ma intanto avanza e nel prossimo turno dei quarti avrà sempre in casa i tedeschi dell’Ulm che hanno sorpreso il Badalona.
Virtus: Jaiteh 20, Weems 13, Sansone 11
Lietkabelis: Radicevic, Orelik 12, Maldunas 10

boulogne metropolitans-venezia 66-87

Venezia dice addio all’Eurocup, tramortita a Parigi dal Boulogne Métropolitans. Troppo pesante l’assenza di Theodore, in aggiunta a Vitali e Daye, soprattutto se Tonut e Brooks giocano sottotono e Watt esce per falli alla fine del terzo periodo. Stone (10 assist, 5 rimbalzi) e una nota positiva, in Sieme a Mazzola e Morgan dell’ultimo quarto, ma il match è poi deciso. Theodore c’è, ma rimarrà seduto in panchina, De Raffaele preferisce non rischiare il gioco e deve fare i conti anche con le assenze di Vitali e Daye, quintetto base senza Tonut con Bramos a completare la batteria degli esterni con De Nicolao e Stone. Ottimo impatto dell’Umana (7-0) con watt a imperversare, immediata la reazione di Boulogne Métropolitans (7-7), quando si spegne la vena offensive di Watt (13-9), si spegne l’attacco orogranata che subisce il 10-0 parigino (19-13) con Tonut e Bramos che faticano a entrare in partita. Hornsby è un mastino in difesa, ma è micidiale anche in attacco (13-24). Mazzola ha un buon impatto sul match, De Raffaele cerca il quintetto giusto per arginare i francesi, ma gli effetti sono limitati (19-34). Bramos prova a riaccendere Venezia (22-34), che però subisce terribilmente a rimbalzo (12-21 a metà gara), Tonut trova il primo canestro alla fine della seconda frazione (38-27), poi Echodas chiude dalla lunetta (30- 40). Watt illude in apertura del terzo periodo, illusione orogranata, Umana che va progressivamente alla deriva (52-37). Mancano le energie all’Umana, Watt esce per falli alla fine del terzo periodo, il 15-0 nella seconda parte del match fa calare il sipario con largo anticipo (67-40). De Nicolao, Mazzola e Tonut lo scarto nel finale, quando Morgan ha qualche lampo in attacco. Ufficiale la rescissione del contratto con Victor Sanders.
Metropoliti di Boulogne: Hornsby 14, Hunter 14, Cummings 12
Venezia: Watt 11, Bramos 9, De Nicolao 9, Mazzola 9

Partizan (Ser)-Bursaspor (Tur) 95-103

Anche il partigiano è frutto del clamoroso, abbandona la coppa. La squadra del guru Obradovic e degli ex milanesi Punter e LeDay cade a Belgrado contro i turchi del Bursaspor all’overtime.

.

Leave a Reply

Your email address will not be published.