la bomba pronta ad esplodere, Spalletti alle Olimpiadi, la rovente question Ospina e la sindrome di Insigne

Il Napoli vince a Torino con la rete di Fabian. Bene Mertens e Koulibaly, Insigne sbaglia il quarto rigore in campionato.

Da 0 a 10: la bomba pronta ad esplodere, Spalletti alle Olimpiadi, la rovente question Ospina e la sindrome di Insigne

TuttoNapoli.net

© foto di www.imagephotoagency.it

Zero gol subiti, non accadeva da Venezia-Napoli del 6 febbraio. Nessuna imbarcata, niente alluvioni o dilivi universali: si può mantenere l’equilibrio anche giocando con Mertens e Osimhen, perché pensare che il tutto dipenda da un solo calciatore è insensato. Per settimane Mertens è stata una perla abbandonata dentro la propria ostrica, force col tesoro confinato negli abissi perché con lui pare venissero stravolte tutte le dinamiche della squadra. Una credenza che diventerà un grande rimpianto, per quello che poteva essere e non è stato.

Uno contro uno con Bremer, col Brasiliano in grande difficoltà. L’abbacinante atletismo di Osimhen viene spruzzato qua e là sull’erba del Grande Torino, una promessa di grandezza su cui sarà necessario ancora tanto lavoro. E una bomba ad orologeria Victor, che ticchetta per tutta la gara con famelici scatti verso l’esplosione. Poi magari si fa prendere dalla fretta, dalla poca cura dei dettagli, ma ci sono lampade di potenza purissima ed anche una tecnica in netto miglioramento (come nel tacco per Ciro).

Due gare da giocare e sentirsi stanchi. E stata una stagione con picchi emotivi difficili da gestire: esaltazione, speranza, delusione, sconforto si sono alternate in manieraca, correndo a folle velocità in questo campionato dal sapore di eterno ritorno, che ha lasciato porte aperte quasi fino alla fine, col Napoli che non ha mai trovato il coraggio di varcare l’ultima soglia. “Un uomo è vecchio solo quando i rimpianti, in lui, superano i sogni”.

Tre come il terzo posto che vale il podio. Spalletti ne parla nel dopo gara, forse pensando di essere ai giochi Olimpici: “Quello che conta è il podio e lì che si assegnano le medaglie”. In un campionato in cui gli avversari sembravano non auto-eliminarsi come quelli di steven Bradbury a Salt Lake City nel 2002, non-arrivare primi è ancora troppo difficile da digerire. Occasioni che accadono una sola volta nella vita, lo stesso detto tecnico qualche settimana fa.

Quattro rigori sbagliati in stagione da Insigne, in un’annata dove gli errori hanno superato di gran lunga le cose fatte bene. Un crepuscolo tecnico, emotivo, caratteriale ha accompagnato Lorenzo nell’ultimo anno azzurro, il peggiore probabilmente da quando veste la maglia del Napoli. Non si può giocare con la areromo dell’altrove per so tanti mesi: altrove è un posto che la maglia azzurra non si merita.

Cinque punti dall’Inter, in attesa della sfida del Milan e del Verona. bastata cura, amor proprio, determinazione, difendere le vittorie con Roma (sfumata al 91′) ed Empoli (non servono nemmeno ricordarne la dinamica) per avere cinque punti in più. Sì, se mio nonno avesse avuto tre palle sarebbe stato un flipper. Ora, mio ​​nonno non aveva tre palle. E non era nemmeno un flipper. Però son sicuro che qualche volta nella vita anche lui avrà avuto qualche SE per analizzare l’evolversi degli eventi. E osate testare nel muro.

Sei e mezzo a Ospina, che ci mette la manona sulla zuccata di Belotti compiendo una gran parata. Nella settimana in cui l’agente di David apre all’addio, Spalletti ne sottolinea gli interventi nella conferenza post gara. Non è mica un caso, perché Spalletti pondera le parole che usa come un alchimista alle prese con pericolose sostanze. Il tecnico voleva, e vorrebbe ancora, avere Ospina titolare nella prossima stagione. La questione portiere sarà tra le più delicate e roventi dell’estate azzurra.

Sette alla condition di Mertens, che dribbla e scatta come se la sua vita calcistica stesse seguendo il sogno di Woody Allen: “Tanto per cominciare, la vita dovrebbe essere vissuta al contrario”. ONU Beniamino Cirò, brillante fisico come non si vedeva da molto tempo, rigenerato dalla nuova vita che ha cambiato la sua: quella di Ciro Romeo. La verticalizzazione di prima per Insigne (che sciupa malamente ignorando pure Lozano) è una pennellata di impressionismo pure, omaggio alla Belle Époque in stile Alberto Angela.

Ottone in uscita: Insigne, Malcuit, Ghoulam, Ospina, Ounas, Petagna, Tuanzebe e l’incognita Fabiàn (in scadenza nel 2023). Il futuro del Napoli è adesso, anzi era ieri, una palla di cristallo in cui vanno lette con anticipo situazioni, per evitare di non farsi trovare impreparati. Qualche scommessa può andare bene, ma considerata la di certi addii bisognerà pure affidarsi a realtà consolidata. Non si vive di soli azzardi, l’istinto del giocatore al casinò può portarlo ad una notte di gloria ma nel lungo periodo anche alla disperazione. Cambiare passo.

Nove allo spagnolo, che sembra andare piano ma orienta con la sapienza di un giocatore di scacchi tutte le proprie mosse. Palcoscenico della lampadina dell’albero di Natale per Fabiano, alternare lampi a bui con frequenta non sempre regolare. La pubalgia è stata il cilicio da indossare per lunghi tratti, una penitenza che ha condizionato molto il rendimento di un centrocampista che in mezzo a tutti questi problemi ha segnato 7 reti (le ultime 2 decisive sui campi di Lazio e Torino). Questa qualità, in un campionato pieno zeppi di calciatori mediocri, è una rarità per la nostra Serie A.

Dieci al rendimento sulla strada. Dodici vittorie su diciotto, quaranta punti e la capacità di cambiare pelle e vestiti con la velocità che farebbe arrossire pure Brachetti. ‘Sulla strada’ il Napoli si è trovato a suo agio, come un pellegrino che punta Santiago dentro un cammino che sa di purificazione. È come se quel Napoli-Verona dello scorso anno aveva una macchia umana per tutta l’annata, una colpa non ancora espiata. Delle scuse non presentate, che hanno rotto il rapporto tra questa squadra e lo stadio di casa. Lontano dal Maradona questa squadra è stata quasi perfetta.

Per commentare l’articolo clicca qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.