PAGELLE Lazio – Sampdoria: Mago dal repertorio completo! Patric Schiaccia, R1 Lazzari

PAGELLE Lazio - Sampdoria: Mago dal repertorio completo!  Patric Schiaccia, R1 Lazzari

© foto di Lalaziosiamonoi.it

STRAKOSHA 6.5: Non deve compiere interventi straordinari, reattivi sì. Si fa trovare pronto sulle conclusioni nello specchio dei calciatori della Samp. Anche da lui serviva uno scossone dopo Spezia-Lazio.

LAZZARI 7: Gli rimane incastrato R1 e non si ferma più. Da costa a costa. Costi quel che costi, quell’azione, Luis Alberto non poteva di certo sciparla. Trasforma una ripartenza della Sampdoria nel raddoppio della Lazio: slalom col turbo acceso prima di regalare la palla d’oro allo spagnolo. È diventato un punto di forza, altro che punto interrogativo.

Dal 78′ HYSAJ 6: Per non essere cattivi. Pochi minuti e Quagliarella per un soffio non infila il 2-1 sfuggendo ai suoi radar. Si rifà attaccando col corpo il sinistro dello stessonte un minuto dopo.

PATRICO 7: Si batte la mano sul petto come a dire “si, l’ho sbloccata io”. Mette in una discesa in cui la Samp aveva deciso di rintanarsi tutta nella propria metà campo. E l’episodio che cambia lo spartito scrivendolo in favore del biancoceleste. Non solo: nella ripresa respinge con buon senso della posizione dovuto croce di fila arrivati ​​dalla destra. Soprattutto quello di Bereszynski poteva riaprire la partita.

ACERB 6.5: Fischiato solo alla lettura delle formazioni, poi gioca una buonissima partita senza il peso delle polemiche degli ultimi mesi. Rispondi con una prestazione convincente. Un pizzico d’entusiasmo è anche merito suo per il gol deciso segnato allo Spezia.

MARUSICO 6.5: Attento in area di rigore, pragmatico palla al piede. Partita sotto controllo, Candreva da quella parte mette un paio di pericolosi, ma tutto sommato lo limita bene.

MILINKOVIC 7: Showtime continuo. E uno dei migliori in campo anche quando si prende una pausa di riflessione lontano dal tabellino dei marcatori. Dominatore del centrocampo: strappa palloni e vince contrasti, cuce il gioco e inventa con l’esterno (di entrambi i piedi). Fuoriclasse, fuori categoria.

CATALDI 6,5: Bella prova, confermato per la seconda volta di fila nel blocco dei titolari. Dà ragione a Sarri facendosi apprezzare nel giro palla. Velocizza sempre l’azione, si concede il lusso di un tunnel sull’ex compagno Candreva ricevendo l’ovazione dei laziali sugli spalti.

Dal 65′ LEIVA 6: La sfida è in discesa quando viene chiamato in causa. Fa il suo con la sigaretta in bocca.

LUIS ALBERTO 7,5: Stop, suola, palleggio, finta, tunnel. Tutto nel giro di pochi attimi per confezionare il 2-0 straordinario. Esce e si prende la standing ovation strameritata. Non solo per il gol fantastico, che è la ciliegina su una torta già saporita dai continui inserimenti e dai tocchi illuminanti.

Dal 77′ BASE 6: Una botta da fuori, compiti agevolati con la Lazio sul 2-0.

FELIPE ANDERSON 6: Tanto sacrificio, gli manca la giocata risolutiva nell’area di rigore della Samp, l’assist che spesso ha trovato in questo campionato. Lo spirito è comunque quello giusto.

IMMOBILIARE 6: Non trova la via della porta, e già so è una notizia clamorosa. Bello pensare che sia tenuto i gol per le ultime due giornate, oggi sono bastate le giocate dei compagni per risolvere la pratica.

ZACCAGNI 6.5: La partita con lo Spezia l’ha riacceso, è uscito dal periodo di appannamento. Nulla di clamoroso, ma molto più dentro al match rispetto ai match precedenti. Tartassato di falli, anche stavolta. Attivo fino al momento del cambio.

Dall’83’ ROMERO sv

ALLE. SARRI 6.5: Vittoria centrale e lunedì da trascorrere sul divano guardando con interesse Fiorentina-Roma. La Lazio rischia solo nel finale, per il resto fa il suo e sale a +3 sui giallorossi.

Script il 7/05/2022

Leave a Reply

Your email address will not be published.