Un’ottima Orlandina sconfitta in Gara1 a Nardò di misura

Un solo punto a fare la differenza tra l’Orlandina e Nardò. I pugliesi vincono Gara1 del playout di Serie A2 di basket 100 a 99

NARDÒ – Coriacea la prova degli uomini di coach David Sussi, che in un finale punto a punto davvero combattuto si vedono sconfitti a causa di alcuni episodi sfortunati. I biancoazzurri restano sempre in partita, nel primo tempo rimontano anche 15 punti di svantaggio e nel terzo quarto arrivano anche al più 8. Decisivi nel finale per i locali Amato e Ferguson.

Nardò-Orlandina 100-99

Primi 3 punti dell’incontro di Ellis, seguiti dai 3 di Vecerina, ma Thomas risponde per il 7-6 locali. Ancora Vecerina ruba palla e firma il 7-10, poi allontana ancora una volta Nardò con la tripla dell’11-17, costringendo coach Battistini al timeout. La Torre da tre punti porta i suoi a -2, Mack segna solo un libero e Poletti pareggia a quota 20. L’ultima azione è ad appannaggio di Nardò, con lo stesso Poletti che segna la tripla del 23-20 al 10′.

Il secondo periodo si apre con la tripla di Amato, mentre i biancoazzurri vanno a segno con Mack, Bartoli e Diouf per il 26-26 al 12′. Nardò risponde però con un parziale di 6-0 a sua volta, con Sussi che chiama timeout sul 32-26. L’Orlandina però continua a non segnare e subisce altri 9 punti in fila per un parziale di 15-0, che porta il punteggio sul 41-26 al 15′. L’Orlandina interrompe la sterilità offensiva con un canestro di Poser, che poi ne segna altri 2, intervalato da un appoggio di Vecerina. Controparziale di 8-0 dei biancoazzurri e nuovo timeout dei locali: 41-34 al 18′. Al rientro in campo Amato perde palla e Vecerina si trasforma in contropiede il -5, King stoppa e mette la tripla del -2, per il 13-0 di parziale che si conclude con un canestro di Poletti. Capo d’Orlando chiude alla grande il primo tempo, sotto di soli due punti, 43-41.

Il secondo tempo comincia con il pareggio degli ospiti grazie a Nick King, ma Nardò risponde con la tripla di Amato. Si segna molto ad inizio quaro con i canestri consecutivi di Mack, Thomas e ancora Mack: 48-47 al 23′. King firma il canestro del sorpasso e poi segna il +3. Ellis porta i suoi sul +5, Nardò continua a sbagliare in attacco e King schiaccia il +7, che costringe Nardò al timeout: 48-55 al 24′. I locali però tornano subito in partita con Thomas e Ferguson, che riportano Nardò a -1, 56-57 al 27′. L’Orlandina si blocca però attacco in a causa di qualche palla persa di troppo. Ne approfittano i locali per andare sul +4 (61-57) con la tripla di Fallucca, dopo il canestro del sorpasso di Thioune. Diouf interrompe il partziale di Nardò, Jerkovic segna in area, mentre Traini subisce fallo da tre punti, fa 1/3 dalla lunetta. Ferguson segna da tre punti, ma subito risponde Traini, che si fa perdonare gli errori precedenti. Vecerina in 6 penetrazione segna il canestro del nuovopasso sul 68-69 al 30′.

Battaglia nell’ultimo quarto

Ferguson apre le marcature del quarto periodo, ma capitan Matteo Laganà risponde con una tripla. Ferguson però è indiavolato e firma altri 5 punti consecutivi per il 75-72 al 32′. Bartoli subisce fallo e segna entrambi i liberi, Ferguson sbaglia in attacco e Mack può firmare il nuovo sorpasso sul 75-76. Ancora Ferguson da 3 punti, ma Vecerina è scatenato e con la sua terza tripla della gara porta gli ospiti sul 78-79. Poletti segna con il fallo di Bartoli, poi Poser pareggia a quota 81. Ancora Poletti a segno sotto le plance, con nuovamente Poser a pareggiare i conti. Ferguson e la tripla di Fallucca sull’ennesimo rimbalzo offensivo portano Nardò sul +5, 88-83 al 35′. Poser segna il -3, Ferguson sbaglia da 3 punti e Traini appoggia il -1.

Poletti sbaglia due liberi, ma Amato recupera palla e segna con il fallo il 92-88 al 38′. King e Mack sbagliano in tre penetrazione, mentre Amato segna da punti per il 95-88. Dopo il minuto di sospensione voluto da coach Sussi, Poser subisce fallo sotto canestro e fa 1/2 e dopo un termine recupero di Laganà ancora Poser firma il -4 a 40” dal termine. La mano di Amato dalla lunetta non trema per il 97-91, con Ellis segna in penetrazione a 20” dalla fine. Ancora Ellis recupera palla, ma è subito e la palla torna in mano ad Amato che dalla lunetta è glaciale e porta i suoi sul 99-93. Laganà realizza la disperata tripla del -3 a 4” dalla fine, ma Thomas segna il libero della staffa per chiudere la gara sul 100-96. Ellis segna ancora allo scadere da tre punti per il definitivo 100-99.

Articoli correlati

Leave a Reply

Your email address will not be published.